La “Green Wave” nell’orologeria 2021

Una delle novità che più salta all’occhio (ma che fa anche discutere la platea di appassionati) dell’ultimo Watches and Wonders 2021 di Ginevra iniziato il 7 aprile, è sicuramente la scelta dei quadranti in colorazione verde proposta nei nuovi modelli da numerose maison dell’alta orologeria. Una scelta che, in realtà, per gli appassionati di moda non è del tutto nuova. Già dalle collezioni primavera/estate 2021 (e poi in quelle autunno/inverno 2021) delle grandi maison (italiane e non) è stato infatti semplice notare la presenza del verde, nelle sue più diverse sfumature. 


Secondo l’esperta di tendenze Lidewij Edelkoort, infatti, il verde, dopo un autunno-inverno dominato dalle tonalità calde del marrone, è il colore moda dell’estate 2021. In un periodo di crisi come quello che stiamo attraversando, sia a causa dell’emergenza epidemiologica che dell’era storica in cui l’ecosostenibilità risulta essere sempre più necessaria, il verde si pone infatti come protagonista, quasi come se volesse riflettere la necessità di uno sguardo più positivo e speranzoso verso il futuro che ci apprestiamo ad attraversare. 

E la medesima tendenza ha prodotto i suoi effetti anche sulle novità di Watches and Wonders 2021, evento durante il quale diverse case hanno presentato nuovi (o quasi) modelli con colorazione del quadrante proprio sulle tonalità del verde. Una scelta che dunque sembra, ancora una volta, confermare lo stretto legame tra il mondo dell’orologeria e le collezioni delle maison specializzate in alta moda.

Le novità in verde del Watches&Wonders 2021

Partiamo col nuovo Rolex Oyster Perpetual Datejust 36 con un quadrante inedito con motivo a foglie di palma, su uno sfondo verde oliva molto azzeccato con l’acciaio Oystersteel della cassa e il bracciale Oyster (anche se secondo il mio gusto personale “la morte sua” sarebbe stata con l’oro giallo). Una versione discutibile secondo alcuni, in quanto al tipo di tonalità e alla tipologia di motivo scelta. In realtà secondo me raffinatissimo e al contempo molto originale, proprio per l’estetica unica offerta dal quadrante.

Il nuovo quadrante verde “palma” realizzato da Rolex.

Sulla “Green Wave” si colloca poi Patek Philippe, col nuovo Nautilus acciaio proposto in un nuovissimo quadrante verde oliva, impreziosito da una raffinata e sottile alternanza di finiture satinate e lucide eseguite a mano e indici applicati in oro con pasta luminescente all’interno. La rarità di quest’anno è vedere un Patek in acciaio con diamanti, la prima volta per la maison di proporre un prodotto con questa combinazione. Che sia il chiaro messaggio che il verde sarà l’ultima versione di 5711?

Il nuovo 5711 di Patek Philippe in verde oliva. (credits: watchesbysjx.com)

E ancora, la scelta del verde la ritroviamo in uno dei più longevi tra gli orologi da polso. Mi riferisco al Reverso di Jaeger-LeCoultre, che in occasione del suo novantesimo compleanno si veste proprio di verde. La tonalità verde non è in realtà una novità in casa JLC: come riportato da Horbiter, nel 2015, con estetica Tribute to 1931 (senza il logo JLC) la manifattura aveva già proposto una edizione esclusiva in versione limitata di Reverso London Green Dial. 

L’icona di casa JLC torna in verde. (credits: fratellowatches.com)

Parlando di orologi di forma anche in casa Cartier troviamo il verde. Infatti la maison decide di riportare al grande pubblico una delle linee più iconiche della casa, quella Must De: nata a metà degli anni ’70 per contrastare il mercato del falso ed avvicinare il grande pubblico al marchio. Cartier ha però pensato di aggiungere, in questo 2021, un nuovo colore e parliamo proprio del verde pino del nuovissimo Must De Tank in acciaio.

Anche il Tank si rinnova con una tonalità di verde. (credits: Britsh GQ)

E poi, come non citare Audemars Piquet che ha scelto di inserire anch’essa il verde, in modo molto originale aggiungo, nei quadranti dei nuovi modelli presentati per il 2021. A partire dal quadrante in tonalità verde fumè e finitura soleil nel Royal Oak Jumbo Extra-Thin, passando poi per il quadrante verde brillante Grande Tapisserie del Royal Oak Cronografo con cassa in oro giallo, e terminando con la trilogia di Tourbillon con motivo Tapisserie Evolutive.

L’intera linea lanciata da Audemars, completamente in verde.
(credits: timeandtidewatches.com)

Oris arriva con i nuovi Divers Sixty-Five, completamente in bronzo, con cassa da 38mm, di cui uno presentato proprio in colorazione “Wild Green” (forse come tonalità più correlata alla tendenza 2020 dei colori pastello). Una sorpresa da parte del brand che sa come proporre delle lievi, seppur significative, modifiche ai propri orologi. Un particolare da non sottovalutare, oltre alla nuova dimensione da 38mm per questa linea, è il bracciale che “perde” i finti rivetti.

La nuova versione da 38mm di Divers Sixty-Five. (credits: fratellowatches.com)

Panerai invece ci propone il Luminor Marina eSteel in “Verde Smeraldo”. Parlando di ecosostenibilità, la novità di questo orologio è il materiale utilizzato: più del 50% dell’intero peso dell’orologio è derivato da materiale riciclato. E’ la prima volta che Panerai utilizza materiale riciclato per la realizzazione dei propri orologi e decide di farlo in diverse colorazioni, tra cui, quella verde.

Il Verde Smeraldo del nuovo Luminor. (credits: hodinkee.com)

Anche TAG Heuer segue questa tendenza e ci propone il nuovo AquaRacer 300 in una tonalità di verde molto tenue, ma grazie alla ceramica della ghiera e alla bellissima finitura del quadrante risulta essere molto profondo e grintoso.

Il nuovo Aquaracer 300 da 43mm. (credits: monochrome-watches.com)

IWC ritorna in scena in questo 2021 con un nuovo modello di Pilot’s Watch Chronograph 41mm in tonalità verde. In questo nuovo modello ritroviamo il nuovo calibro di manifattura 69385. Questo nuovo movimento cronografico automatico con smistamento a ruote a colonne propone tutte le innovazioni tecniche e qualitative del marchio svizzero: 28800 alternanze per ora, 46 ore di riserva di carica, carica automatica bi-direzionale ed uno spessore ridotto rispetto ai modelli precedenti.

Molto bello il dettaglio della sfera dei secondi continui in rosso ad ore 6.
(credits: monochrome-watches)

Per non farci mancare nulla, anche Piaget con l’Altiplano (orologio più sottile al mondo, 2mm totali) propone una nuova colorazione, riprendendo un bel verde foresta. Piaget, per ridurre lo spessore totale dell’orologio, ha utilizzato un pezzo unico per cassa, platina e lunetta.

L’Altiplano in tutta la sua “grandezza” costruttiva.
(credits: monochrome-watches.com)

Anche Breitling presenta un bel verde menta al Watches&Wonders 2021. In questa nuova configurazione di Premier Heritage Lady da 40mm (che tanto lady non è) abbina tutta la qualità costruttiva moderna ad una linea che riprende lo stile dei cronografi anni ’40 della maison.

Il nuovissimo Breitling Premier Heritage 40mm

Per concludere vogliamo citare uno dei brand che più ha fatto parlare di se in questa edizione di Watches&Wonders 2021: Tudor. La maison ha proposto, per la prima volta, un orologio completamente in oro giallo 18k. Questa nuova versione di BlackBay58 si pone come orologio di punta della casa ginevrina ed è stato realizzato utilizzando un bellissimo verde metallizzato, molto brillante e ben bilanciato. Una delle particolarità del Tudor è la cassa completamente satinata che dona un aspetto molto sportivo ad un orologio completamente in oro giallo.

L’abbinamento perfetto tra il verde e l’oro giallo, già visto diverse volte in casa Rolex-Tudor.
(credits: monochrome-watches.com)

Un verde dunque grande protagonista in ogni sua sfumatura, all’insegna della positività e della grande speranza di cui abbiamo bisogno in questo momento. Ai più perplessi in merito a questa scelta da parte di numerosi brand dico: provare per credere! Green is the new Black!

Articoli consigliati

1 commento

  1. Complimenti per l’articolo, mi piacerebbe provare il Piaget altiplano. Un saluto Antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *